12/12/15 - Un altro recupero

L'imbarcazione della GCA

Una rete in meno

Come deciso nella riunione del 03/12 presso la Guardia Costiera Ausiliaria di Iseo, oggi il programma prevede il recupero di un'altra rete in località Gallinarga. Purtroppo la rete si trova a poche decine di metri da dove, una simile a questa, ha intrappolato un povero collega. Raduno al covo in anticipo dove alle 12:15 arrivano Fabri, Ferru, Tato
                   
Foxed e Wally che, espletate alcune piccole manutenzioni, caricano il furgone e partono con direzione Tavernola. Sul posto troviamo già gli scalpitanti Ando e Red1 e l'imbarcazione della GCA, oltre all'ospite della giornata: Giuseppe. Mentre si scarica l'attrezzatura ci raggiunge anche la barca della Polizia Provinciale. Si montano i gruppi, si eseguono i check sui rebreathers e si portano in acqua scooters e stages. Un breafing assegna i compiti. La squadra 1 (Tato, Ando e Giuseppe) scenderà per prima con un anticipo di cinque minuti che consenta ad Ando di effettuare una ripresa indisturbata della rete. La seconda squadra (Ferru, Fabri, Foxed, Red1 e Wally) scenderà successivamente con una stage ad aria ed un pallone. Wally porterà il pallone sino ai 52, Red1 lo collegherà ad un'asola che Tato avrà già predisposto sulla testa della rete e Fabri avrà il compito di gonfiare e lanciare il pallone.
Il breafing
La preparazione
Una parte degli scooters Ando riprenderà tutta questa fase con la nuova telecamera e con i faretti. Tato aiuterà la profondità di ripresa con un altro faro che brandeggerà all'occorrenza. Controlli pre-dive in superficie e si scende. La visibilità dei primi metri è buona e lascia sperare bene. Arriviamo sulla rete e, verso i 20 metri, l'attardarsi di Ando non lascia presagire nulla di buono. Infatti poco dopo segnala un problema alla telecamera e si decide di risalire proprio quando la seconda squadra si congiunge ai tre.
Un rapido scambio di segnali e si risale tutti insieme. Ando armeggia per poco più di un minuto con la telecamera e, ancor prima che emergano gli altri componenti si è nuovamente in discesa. Il programma non cambia e quindi tutto il team 2 si ferma intorno ai 15 metri in attesa dei cinque minuti concordati. La discesa è abbastanza lenta per consentire ad Ando una ripresa agevole ma, pochi metri sotto i 20, la visibilità peggiora rapidamente sino a risultare scarsissima dopo i 40. Nonostante questo nella rete si riescono a scorgere un paio di persici che stanno lottando caparbiamente tra le maglie della rete. L'immagine è per certi aspetti straziante. Speriamo che il recupero consenta la liberazione dei pesci ancora vivi. Arriviamo al capo estremo della rete e Tato forma un'asola sulla cima della rete dove, pochi minuti dopo, arriva Red1 a fissare il pallone.
L'arrivo del pallone in superficie
Fabri riempie il pallone con pochi litri d'aria prima che questo si stacchi con decisione verso l'alto, trascinando la rete. Le maglie più basse, appoggiate sul limo, liberano nell'acqua le particelle finissime di fango che nel giro di pochi secondi riducono a zero la già scarsa visibilità. Ci allontaniamo dividendoci, Ando Tato e Wally alla destra della rete che sta salendo, tutti gli altri l'aggirano a sinistra. Poco dopo, emersi dalla "bufera" fangosa Tato individua la rete proprio nel punto in cui il tratto orizzontale s'impenna verso la superficie. Cede lo scooter a Wally e, con molta circospezione, verifica che la rete sia libera. Fatto questo ci si allontana, e si inizia la risalita. In superficie intanto l'equipaggio della lancia della Polizia Provinciale salpa la rete soffermandosi di tanto in tanto per liberare il pesce ancora vivo. L'operazione si svolge rapidamente e senza intoppi.
In effetti la permanenza alla quota di massima profondità del team 1, (ora modificato nei componenti) è risultata superiore a quanto pianificato inizialmente, e la risalita ad inizio immersione ora fa si che la decompressione indicata dai computers sia di una certa importanza. Ci attende un runtime più dell'ora pianificata inizialmente. Mentre il team 1 attacca la risalita, il team 2 , che e' rimasto sul fondo meno tempo, sta già decomprimendo a quote alte. Alla riemersione una brutta notizia La Polizia salpa la rete

attende Ferru che... ha lasciato le chiavi del furgone... dentro al furgone! Una chiamata a Santa Daniela rimedierà le chiavi di scorta ma, temiamo, non eviterà le giuste ire muliebri al povero smemorato. Dopo diversi minuti il Team 1 riemerge e ci si raduna tutti sullo spiazzo del parcheggio. Inevitabile una sana presa per i fondelli del malcapitato e le solite risate dopo l'immersione. Salutiamo e ringraziamo per la disponibilità la GCA e la Polizia Provinciale che devono rientrare con le loro barche. Smontiamo le attrezzature con calma e, una volta che anche Ferru è tornato in possesso del proprio mezzo, si può cambiare e tornare a vestire abiti asciutti (In compagnia di Wally e Foxed, sui malcapitati ospiti sul furgone). Si conclude la giornata davanti ad alcune pizze condivise e a qualche birra scolata alla salute di Fabri che ieri ha compiuto gli anni. Una bella giornata spesa per qualcosa di utile che ci rende gradevole anche il freddo e la fatica spesa. Ottimo lavoro ragazzi !!!!! FicoOcchiolino

Per il video clicca Recupero rete alla Gallinarga - 12/12/15

Per vedere le foto clicca qui


GAS: 21/35-15/55- EAN 50
RT: 62/98
Max. Prof. 53 m.
Min. Temp. 6°C


 

Accesso soci